il Gallo

Luca Gallina Luca Gallina

Casalmaggiore con Eric Sardinas

Eric Sardinas a Casalmaggiore

di megadix – accordiano #7918 | 24 luglio 2006 @ 01:44

Eric Sardinas a Casalmaggioremegadix scrive: Eric Sardinas al Casalmaggiore Rock Blues Festival 2006 Grande, grandissima serata al festival Rock Blues di Casalmaggiore.

Elizabeth Lee

Hanno aperto le danze Elizabeth Lee con i Cozmic Mojo in formazione ridotta: Elizabeth, Luca Gallina alla slide e…una nuova batterista. Purtroppo non sono riuscito a trovare il suo nome su internet, se qualcuno era presente o comunque la conosce si faccia avanti!

sardinas Nonostante si siano presentati con la consapevolezza e l’umiltà di essere la band di supporto al grande Eric Sardinas hanno letteralmente fatto faville, scaldando la piazza al punto giusto: probabilmente il timore del confronto li ha caricati e gli ha fatto tirare fuori il meglio di sè!

 

I brani, proposti in questa nuova veste “acustica” (???), sono passati molto piacevolmente: ottime “schitarrate” di Luca, molto precisa la ritmica, calda e potente la voce di Elizabeth. Si è notato inoltre un grandissimo feeling fra i musicisti, l’impressione è che ci sia stato molto spazio per l’improvvisazione. Grandissimo il lavoro di Luca alla slide, che per non sfigurare con Eric ha dovuto tirar fuori dal cilindro tutti i suoi trucchi! Il coinvolgimento del pubblico è stato molto alto, tanto che durante la presentazione di Sardinas il “popolo” ha preteso a gran voce il bis dei Cozmic Mojo!

Giudizio ottimo quindi su questa band, capace di mille sfumature e che ha saputo regalarci altrettante emozioni.

Eric Sardinas

OK, bell’atmosfera, bellissima la cornice di Piazza del Duomo, tanta la gente.

“Ma la bestia dov’è?” si chiede la folla. Per tutta risposta il suono inconfondibile di una dobro super-distorta esce dagli amplificatori: è lui! Eric entra in scena con una tenuta tamarra delle sue, a metà strada fra un pistolero, uno sciamano e…un pipistrello, roba da far impallidire Renato Zero. Il pubblico comincia ad accorrere più numeroso, lo spazio fra le sedie e il palco (gli scalini del Duomo!) viene riempito da giovanotti alticci e festaioli e la musica alza il tiro.

Tutto come da copione: ogni brano scorre liscio come l’olio, il suono delle sue chitarre è potente e perfetto come sempre, la sezione ritmica è al suo servizio per sostenerlo durante quelle vere e proprie maratone che sono gli assoli. Quello che colpisce di Sardinas è la convinzione con cui aggredisce le sue seicorde: ogni nota, anche la più veloce, è sofferta e letteralmente “bruciata” dalla sua slide, che non abbandona neanche a fine concerto.

Ottime anche le prestazioni vocali di Eric, che si dimostra a suo agio con il microfono ma anche…senza! In un mondo di fighetti con il radiomicrofono stile Ambra Angiolini, con l’auricolare e otto body-guard per gamba, Eric si distingue perché a metà della canzone abbandona il microfono e si mette a cantare in mezzo al pubblico!

Il coinvolgimento della gente è totale e incondizionato, molti si chiedono se al giorno d’oggi sia possible che una vera e propria star si possa permettere un rischio tale. Eric se ne sbatte delle convenzioni e dimostra di avere le pa…ehm il fegato per affrontare qualsiasi pubblico, anche il più “focoso”. L’unico bodyguard è davanti alla cassa di sinistra a limitare le incursioni sul palco, oltre che a diventare sordo.

Dopo l’ultimo pezzo sale l’ignara presentatrice annunciando con voce tremante la fine dell’inferno, ma il pubblico pretende il bis, non ci sono storie! Parte un nuovo slide ascendente super distorto, la gente non ce la fa più a stare seduta e vanno tutti sotto il palco per poter ballare, saltare e fare un po’ di casino, in barba ai fotografi rompipalle. Eric torna senza mantella (ma come ha fatto a tenerla fino ad ora, con questo caldo?) e riaccende la piazza, ma non gli basta: con la sua dobro scende dal palco e si mette a suonare in mezzo alla folla, che va letteralmente in delirio!

Circolavano voci che avrebbe incendiato la chitarra, ma Eric ha fatto molto di più: con il suo show ha incendiato direttamente tutta la piazza di Casalmaggiore!

Anche per Eric Sardinas quindi giudizio ottimo: grandissimo spettacolo, incredibile coinvolgimento del pubblico ed energia da vendere!

Giudizio complessivo

Assolutamente ottima manifestazione, probabilmente un po’ sottodimensionata per la portata degli artisti presenti, ma ben organizzata. Grandi musicisti, ottimo sound (nonostante l’acustica difficoltosa), cambi di palco fluidi e grande partecipazione di pubblico. Ah, dimenticavo, la manifestazione è GRATUITA!!!!

Se vogliamo fare i pignoli, l’unico vero e proprio difetto era rappresentato dai molti, troppi fotografi: c’erano quelli che rompevano i maroni chiedendo al pubblico di stare seduto (??!?!?) per non perdersi le inquadrature migliori standosene comodi sulle loro sedioline, altri che gironzolavano intorno al palco e s’incazzavano se gli passavi davanti all’inquadratura, addirittura c’era una signora che si sdraiava come una foca sui gradini per fare le foto. Imbarazzante, probabilmente era la zia texana del bassista…

Dimitri

P.S. il commento più sentito fra le donne presenti, compresa (sic) la mia ragazza è stato “Anvedi che animale, se tromba come suona…” Per cui ragazzi, sotto con gli esercizi e un po’ più di energia sopra e…sotto il palco!!