Articiòc a battesimo con Jeanluc ilGallo

dal Corriere della Sera.

Non è esattamente un locale, anzi sì. C’è un po’ d’artigianato, si può degustare un vino e «a volte improvvisiamo». Con l’equinozio di primavera, stasera apre «Articiòc», un nuovo luogo di ritrovo (a Montirone, via Palazzo 1/A) che è «come una piazza, uno spazio che ospita oggetti curiosi e ben fatti, libri, parole, e musica». La serata si apre alle 19.30, i più curiosi potranno fare un giro al mercato dell’Articiòc, appuntamento del martedì, tra composizioni floreali e artigianato. Gli accordi generosi di Jean Luc Gallo, alias Luca Gallina ( nella foto ) a partire dalle 21 danzeranno in una short session. «Articiòc – si legge in una nota del nuovo locale – è una parola che ha un buon ciòc e che significa, nella maggior parte dei dialetti italiani, tra cui quello bresciano, carciofo. La parola carciofo, la cui radice è usata per indicare la pianta nella maggioranza delle lingue indoeuropee, nasce dall’arabo al-kharshûf. Una parola quasi universale, un posto per gente informale». Con una veste inusuale e leggera, sul palco dell’Articiòc ridendo e scherzando si vedranno personaggi di carattere. Tra i prossimi eventi musicali: martedì 27 marzo Michela Giuliano, cantautrice, venerdì 30 i Maxi Taxi e sabato 31 Asso Stefana.
Maria Zanolli

Maria Zanolli